Robert Sebastian Matta | 56. Biennale di Venezia : Official Collateral Event of the 56. International Art Exhibition - La Biennale di Venezia. | Exhibition realized by Fondazione Echaurren Salaris in collaboration with the support of Galleria d'Arte Maggiore g.a.m.

9 Maggio - 22 Novembre 2015
Palazzo Soranzo Cappello, Venezia | Sede Soprintendenza Architettura, Belle Arti e Paesaggio Veneto Orientale.

Roberto Sebastian Matta

 Sculture

 

Evento Collaterale della 56. Esposizione Internazionale d'Arte - La Biennale di Venezia

 

Giardino di Palazzo Soranzo Cappello - Venezia

Sede della Soprintendenza BAP Veneto Orientale - MiBACT 

 

opening 8 maggio 2015invite only

 9 maggio - 15 ottobre 2015 - ingresso libero

 

 

La 56. Esposizione Internazionale d'Arte - La Biennale di Venezia rende omaggio a un protagonista fondamentale dell'arte del XX secolo: Roberto Sebastian Matta. Inserito nel calendario degli Eventi Collaterali ufficiali della 56. Esposizione Internazionale d'Arte - la Biennale di Venezia, la mostra organizzata dalla Fondazione Echaurren-Salaris, in collaborazione con la Galleria d'Arte Maggiore G.A.M. di Bologna, e curata da Flaminio Gualdoni con Alessia Calarota, sceglie di focalizzarsi sulla produzione scultorea del maestro per offrire una lettura più articolata sulla sua intera opera. La mostra è ospitata in un contesto di grande pregio: il Giardino di Palazzo Soranzo Cappello, sede della Soprintendenza per i beni architettonici e per il paesaggio per le province di Venezia, Belluno, Padova e Treviso - MIBACT.

 «Matta è colui che maggiormente tien fede alla propria stella, che è forse sulla strada migliore per arrivare al segreto supremo: il controllo del fuoco» è con queste parole che, nel 1944, André Breton descrive l'artista Robert Sebastian Matta. Architetto, pittore e, infine, mastro talentuoso nell'uso del bronzo e dei metalli, è nella produzione scultorea dell'artista che si trova la conferma delle parole del padre del surrealismo: le sue figure sembrano provenire da una profondità magmatica, risalire a ere geologiche antiche, a religioni terrene, mitologiche - l'artista controlla, conosce queste forze e le forgia in figure e strutture primarie. Le sculture sono figlie di una realtà pericolosa, dalle domande dell'uomo, ma anche dalle esplosioni vulcaniche della natura e della terra, che Matta ha il compito di interrogare: le sue figure contorte, articolate ricordano gli incubi primitivisti dell'avanguardia parigina e accompagneranno l'artista fino alla fine della sua carriera. Sono figure nate da episodi reali, non dettati dall'inconscio: se infatti molti dei surrealisti lavoreranno sui temi del sogno, Matta si rifarà invece a temi politici estorici. Le sue sculture ricordano divinità antiche, che sembrano provenire dai passati mitici della Grecia, da antichità mediterranee o dalle culture del Sud America: un eclettismo di immaginari, che è il segno di un'unica eterna provenienza di archetipi umani. Animali, figure mitologiche, madri che vivono nelle profondità della terra, pietre filosofali e guerrieri: anche i loro titoli abbracciano le diverse culture di cui Matta si è abbeverato, tanto da poterlo definire un "nomade", le cui peregrinazioni incrociano le più diverse rotte, dalla madrepatria cilena all'Europa continentale, alla Russia, dalla Scandinavia fino agli Stati Uniti. Da "Mater Nostrum", una variazione su quel mare nostrum che lambisce le coste della sua amata Italia, a "Perù", "Inca" o "Colomberos". Con le sue sculture - il cui bronzo richiama echi preistorici di epoche arcaiche e primitive - Matta anima una produzione che include pezzi come "Cromagnak" o "Ganesha", fino alle poltrone "Floricor" e "Margarita". Qua sta la grande arte di Matta, seguendo le parole di Breton: aver seguito la sua stella, essere tornato indietro, al passato - mitico e inconoscibile - che ci precede, per trovare una eco comune, un fil rouge che combini le identità, le diverse appartenenze in un unico profilo d'artista. Aver forgiato il bronzo in un fuoco antico, primario, e dunque eterno.